La Liga!

 

Van Nistelrooy fa crack, allarme rosso a Madrid

Sembrava che fosse un infortunio molto meno grave quello che era capitato poche settimane fa all'attaccante olandese del Real Madrid Ruud Van Nistelrooy: pochi giorni fa si era recato in Colorado, nella clinica specializzata del professor Richard Steadman (lo stesso che già lo curò nel 2000, e che costrinse Ruud a saltare gli Europei e a ritardare di un anno il trasferimento dal PSV al Manchester United), che ha preferito operare subito il calciatore. Le condizioni del ginocchio di "Vangol", però, erano decisamente peggiori rispetto alle previsioni e al termine dell'operazione, il calciatore si è trovato di fronte alla dura realtà. "Il giocatore si è procurato la rottura parziale del menisco esterno destro, un danno al legamento laterale interno e alla cartilagine. I tempi di recupero sono stimati tra i 6 e i 9 mesi, in base agli sviluppi in fase di rieducazione" si legge in un comunicato del Real.

Questo aggrava ulteriormente la situazione in casa madrilena, dato che anche Robben starà ai box fino almeno a gennaio. L'attaccante olandese era stato finora uno dei migliori della squadra, ed era diventato un giocatore quasi imprescindibile, anche se nelle ultime partite il problema in attacco non c'è stato, data la straordinaria vena realizzativa di Raul e Higuain (7 gol in due partite in due), ma piuttosto in difesa. Sta di fatto che Van Nistelrooy era l'unica prima punta "vera" e di peso della squadra, anche se questo pare un po' strano vista la rosa dei blancos: Raul, Higuain, Saviola sono tutti seconde punte e non possono reggere da soli il peso dell'attacco.

Ecco perchè sicuramente Calderon vorrà tornare sul mercato a gennaio per sopperire alla mancanza: i nomi che circolano sono molti, a partire da Karim Benzema del Lione, prima punta di soli 21 anni, giovane di straordinario talento, ma dal costo del cartellino decisamente elevato; inoltre Schuster (sempre che rimanga a Madrid) non potrebbe schierarlo in Champions essendo già stato utilizzato dai transalpini in Europa.
Subito dietro spuntano le ipotesi di Andrei Arshavin e Lukas Podolski: il russo è una vecchia fiamma della dirigenza del Real e ha espresso già ripetutamente la volontà di andarsene. Il prezzo del cartellino e lo stipendio del cartellino sono però molto alti, mentre forse è più abbordabile pensare al giocatore del Bayern come sostituto. "Poldi" non riesce a trovare spazio e vorrebbe poter giocare con continuità; il Bayern potrebbe pensare di venderlo per investire il ricavato a giugno. Certo due ipotesi affascinanti, anche se entrambi i giocatori sono due seconde punte.

Ma Mijatovic potrebbe venire a pescare anche in Italia. I nomi più gettonati sono quelli di Adriano, che ha sempre mostrato apprezzamento nei confronti della "camiseta blanca" ("Mi piacerebbe poter giocarci un giorno..."), ma si parla anche di David Trezeguet, che a gennaio sarà di nuovo disponibile al ritorno da un infortunio, e di Diego Milito del Genoa, che finora sta vivendo una stagione magica; indubbiamente "el Principe" non sarebbe disagiato avendo già giocato due stagioni a Saragozza prima della retrocessione nella scorsa stagione. Un nome circolato nelle ultime ore e da tenere d'occhio è sicuramente quello di Hernan Crespo, finora poco utilizzato nell'Inter da Mourinho, e utilizzabile in Champions dato che non è stato inserito nella lista giocatori consegnata alla Uefa. Crespo è una prima punta, non più giovanissimo ma molto simile a Van Nistelrooy nel gioco essendo un "uomo d'area di rigore".

Poi naturalmente ci sono i nomi (quasi) impossibili: si parla di Klaas Jan Huntelaar dell'Ajax, che già la scorsa estate doveva andarsene ma che è ancora in Olanda, e che sarebbe a dire il vero una buona ipotesi, anche se il prezzo è alto; poi ci sarebbe un ritorno di fiamma per David Villa, ma salvo incredibili offerte non si muoverà da Valencia almeno fino a giugno; altri interessamenti sarebbero per l'ivoriano Didier Drogba, il tedesco Mario Gomez e il brasiliano del CSKA Mosca Vagner Love. A gennaio ne sapremo sicuramente i più...


Commenta questo articolo!